Sito ufficiale del Comune di Luzzi Sito ufficiale del Comune di Luzzi Sito ufficiale del Comune di Luzzi Sito ufficiale del Comune di Luzzi
Sito ufficiale del Comune di Luzzi
Sito ufficiale del Comune di Luzzi
Sito ufficiale del Comune di Luzzi
Sito ufficiale del Comune di Luzzi

Archivio articoli su Luzzi - Il Quotidiano

Cambia testata

Mense scolastiche, prosegue lo stato di agitazione

Scarica

Tecnica e Poesia di Ferro in mostra fino a settembre

Scarica

da stasera il festival canoro

Scarica

Inagurato il monumento al poeta e politico Luigi genesio Coppa

Scarica

atti vandalici alla sezione locale dell'UDC

Scarica

Istruzione chiesta il ritiro della delega alla ciardullo

Scarica

linea diretta con le forze armate

Scarica

primo maggio e emigrazione

Scarica

Comuni uniti a Bruxelles per aumentare lo sviluppo 

Scarica

insieme per luzzi vuole una Sede Avis

Scarica

il poeta dante girardi compie 80 anni

Scarica

pinocchio in bicicletta arriva anche nella scuola

Scarica

Il Pd è pronto all'elezione del nuovo direttivo

Scarica

in preghiera vicino ai falo'

Scarica

Rubati uno stereo casse una radio alle materne 

Scarica

Per Bacco, una Festa Enogastronomica - da venerdi a domenica San Vito si trasformera nella via del vino

Scarica

Fuori dalle classi a scoprire il territorio

Scarica

Ancora una grande affermazione per Eros Umile Perri.

Scarica

Dennis ed Eros Pongisti da Record

Scarica

ANTENNA BLOCCATA, EMITTENTE SE NE VA

Scarica

Un convegno organizzato dal Comune di Luzzi per capire l'importanza del volontariato e della protezione civile

LUZZI – Volontariato a raccolta per il convegno sul tema "Emergenza e non vedenti". Sono stati circa trecento, infatti, i partecipanti all'importante incontro formativo, organizzato dal Comune di Luzzi e dalle associazioni di volontariato e protezione civile "Tutela Civium" e "Lupi delle Serre Cosentine" nell'ambito della manifestazione "Civitas Med" svoltasi a Cosenza.L'iniziativa ha riguardatol'introduzione alla formazione dei referenti delle organizzazioni di volontariato di protezione civile per l'analisi e la pianificazione dei rischi riguardo alle diverse abilità. Attraverso il convegno, promosso con l'Unione Italiana Ciechi e l'A.n.p.a.s. nazionale, si è voluto contribuire a focalizzare la problematica che riguarda i portatori di handicap coinvolti in situazioni d'emergenza e, soprattutto, ad individuare un percorso possibile di conoscenza, approfondimento, sperimentazione metodologica e di formazione specifica degli operatori di protezione civile e, in particolare, dei volontari. Numerose ed interessanti le relazioni susseguitesi dopo i saluti del viceprefetto aggiunto Maria Vercillo e del funzionario del dipartimento della Protezione Civile, Sisto Russo, e l'introduzione ai lavori da parte del  dirigente del settore regionale della protezione Civile, Raffaele Niccoli. Sugli aspetti generali delle calamità naturali hanno relazionato Mauro Casinghini  (Funzionario Dipartimento Nazionale di Protezione Civile) e Maria Annunziata Longo (vice presidente e responsabile formazione "Tutela Civium"). La gestione delle emergenze e il volontariato nel sistema di Protezione Civile nazionale sono stati i temi affrontati da Cosimo Golizia, funzionario del dipartimento diretto da Guido Bertolaso. Ad argomentare su un'altra importante tematica, cioè l'attacco di panico in situazioni di pericolo con particolare attenzione al non vedente e sull'aiuto che può arrivare dal volontario, la psicologa di "Tutela Civium" Ida Roberta Plastina. Il disturbo post traumatico dovuto allo stress in caso d'emergenza in bambini e anziani è stato il tema di cui ha parlato  la psicologa del sodalizio "I Lupi delle Serre Cosentine", Teresa Bruno. L'intervento di Domenico De Rito (della sezione provinciale dell'Unione Ciechi) ha riguardato, in fine, gli strumenti, all'interno delle strutture pubbliche e private, utili ai non vedenti in situazioni d'emergenza.

LUZZI - E' fissata per questa mattina alle 10 presso la sede municipale di "Palazzo Vivacqua" l'apertura delle offerte per l'affidamento del servizio per il centro di aggregazione sociale per minori (Legge 285/97). Il settore politiche sociali del Comune, infatti, ha indetto un bando di gara per pubblico incanto per l'aggiudicazione dell'importante servizio il cui importo posto a base di gara è di 14,400 euro e che sarà affidato alla cooperativa sociale, associazione o Onlus che avrà effettuato l'offerta complessivamente più vantaggiosa. L'aggiudicazione sarà determinata da alcuni parametri che riguarderanno i contenuti progettuali, la coerenza del progetto rispetto gli obiettivi del servizio (innovazione, flessibilità, organizzazione), i curriculum del personale e delle associazioni concorrenti, le esperienze che dimostrino il possesso di una metodologia di progettazione integrata e la conoscenza delle risorse del territorio, le specifiche attività in favore di minori, i programmi di formazione concernenti le problematiche dei minori, il compenso per ogni singolo operatore. Alla gara concorreranno le associazioni, le cooperative e le Onlus che entro le ore 13 di ieri avranno fatto pervenire le proprie offerte presso l'ufficio protocollo generale del Comune. 

Roberto Galasso

LUZZI - "Emergenza e i non vedenti". E' questo il tema dell'incontro in programma per venerdì prossimo alle cupole geodetiche di Cosenza e concernente l'introduzione alla formazione dei referenti delle organizzazioni di volontariato di protezione civile per l'analisi e la pianificazione dei rischi in relazione alle diverse abilità. L'importante appuntamento è organizzato dal Comune di Luzzi e dalle associazioni di volontariato e protezione civile "Tutela Civium" e "Lupi delle Serre Cosentine". Il convegno, inserito nella manifestazione "Civitas Med" e promosso in collaborazione con l'Unione Italiana Ciechi e l'A.n.p.a.s. nazionale, sarà un'occasione d'approfondimento ma soprattutto di formazione per i non vedenti ed i loro accompagnatori nonché per gli operatori di protezione civile e di tutta la popolazione sui comportamenti da adottare in caso d'emergenza. Scopo dell'importante iniziativa, appunto, è contribuire a focalizzare la problematica che riguarda i portatori di handicap coinvolti in situazioni d'emergenza e, soprattutto, ad individuare un percorso possibile di conoscenza, approfondimento, sperimentazione metodologica e di formazione specifica degli operatori di protezione civile e, in particolare, dei volontari. Il convegno è patrocinato dal Senato della Repubblica, dalla Camera dei Deputati, dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, dalla Giunta e dal Consiglio regionale, dalla Provincia, dai comuni di Luzzi e Mendicino e dalla rivista "La Protezione Civile Italiana". Agli organizzatori è giunto il telegramma del Quirinale attraverso il quale il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano esprime apprezzamento per gli incontri promossi "che esaltano e sottolineano i ruolo significativo svolto dal volontariato nella nostra società. La vostra concreta attività - prosegue il Capo dello Stato - ha contribuito fin dalla fondazione dell'organizzazione, a promuovere e diffondere una reale cultura della prevenzione, offrendo gli strumenti didattici e formativi necessari per affrontare con competenza e professionalità i rischi connessi con gli eventi calamitosi, in particolare - conclude - nelle situazioni di svantaggio". I lavori saranno aperti alle ore 16 dai saluti del Prefetto di Cosenza, Bruno Sbordone, e dal direttore dell'ufficio volontariato e relazioni istituzionali del dipartimento della Protezione Civile, Agostino Mozzo. Previste diverse relazioni. Tra i temi che saranno affrontati gli aspetti generali delle calamità naturali, la gestione delle emergenze, il volontariato nel sistema di protezione civile nazionale, l'attacco di panico in situazioni di pericolo con particolare attenzione al non vedente. Si parlerà, inoltre, degli strumenti, all'interno delle strutture pubbliche e private, utili ai non vedenti in situazioni d'emergenza e del disturbo post traumatico da stress nei bambini e negli anziani. Le conclusioni saranno tratte dal presidente della commissione per il piano di sviluppo della Regione Calabria, l'On. Mario Maiolo.

LUZZI - Il recupero e la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale della cittadina al centro di un interessante progetto finanziato dal Comune e portato avanti da validi ed esperti professionisti del settore insieme all'ausilio d'alcuni giovani laureati e laureandi luzzesi.

"La tutela dei beni culturali e ambientali- spiegano gli interessati - è espressione di una politica di salvaguardia e di qualificazione dell'assetto della città e del territorio. Risultato di questa tutela sono gli interventi mirati a riportare alla luce e conservare opere d'arte che testimoniano lo sviluppo socio-culturale delle società cui appartengono".

Il gruppo di lavoro vuole far riscoprire quelli che sono i veri tesori della cittadina cratense. La prima fase del progetto finanziato da "Palazzo Vivacqua" sarà incentrata sull'individuazione degli edifici e delle strutture di particolare rilevanza e che contengono al loro interno oggetti di valore artistico.Tra queste vi sono certamente le numerose ed antiche chiese nonché lo storico Torrione di Petrine, la Casa-Torre risalente al 1500 da qualche anno divenuta proprietà comunale e che da più tempo ormai versa in condizioni di assoluto degrado. Si proseguirà poi con l'opera di catalogazione.


 

Il Comune di Luzzi in breve

Luzzi è una ridente cittadina che si suppone sorga al posto dell'antica Tebe Lucana fondata nel IV secolo a.C. In alcune sue contrade, "Seppio Grippa" e soprattutto "Muricelle", sono stati ritrovati importanti reperti archeologici, come lapidi, resti di una statua e suoi svariati frammenti, parti di una pavimentazione a spina di pesce e un'intera necropoli romana, che testimoniano come in quei siti si sviluppava la cittadina della magna Grecia "Thebae Lucane" distrutta poi dalle varie guerre che si susseguirono, e che costrinsero i suoi abitanti a trasferirsi su una delle antistanti colline, quella dove oggi è situata Luzzi, per trovare rifugio ed avere un punto di più facile difesa.
Deve il suo nome, con molta probabilità, ad una famiglia normanna al seguito di Roberto il Guiscardo che la ebbe come feudo (Lucij), anche se secondo alcuni il nome potrebbe derivare dai "lucci", un pesce che popolava il torrente Ilice che scorre a sud del paese, infatti, sono ancora oggi raffigurati nello stendardo cittadino. Dopo il casato dei Luzzi, appartenne ai Viscardi (o Biscardi) e poi a Tommaso d'Aquino.

Contatti

Indirizzo:
Via San Giuseppe - 87040 Luzzi(CS)
Telefoni:
(+39) 0984.549006 - 0984.549030
Fax:
(+39) 0984.549239
E-mail:
luzzi@comune.luzzi.cs.it
PEC:
protocollogenerale@comunediluzzi.legalmail.it
P.IVA:
01080090788
Cod.Fis.:
80007890785