Sito ufficiale del Comune di Luzzi Sito ufficiale del Comune di Luzzi Sito ufficiale del Comune di Luzzi Sito ufficiale del Comune di Luzzi
Sito ufficiale del Comune di Luzzi
Sito ufficiale del Comune di Luzzi
Sito ufficiale del Comune di Luzzi
Sito ufficiale del Comune di Luzzi
Torna all'area generale

ICI 2011

ICI 2011

COMUNE DI LUZZI
(PROVINCIA DI COSENZA) SETTORE TRIBUTARIO      
 
 I.C.I.
 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI – VERSAMENTO ACCONTO  ANNO 2011
 IL RESPONSABILE DEL SETTORE TRIBUTARIO
VISTO il decreto legislativo 30.12.1992, n. 504 e successive modificazioni e integrazioni; VISTO il regolamento comunale relativo all’imposta comunale sugli immobili; VISTA la deliberazione della Giunta comunale n. 115 del 26.05.2011 con la quale sono stati approvati, ai fini dell’I.C.I., i  valori venali delle aree  edificabili;  VISTO il Decreto Legge 27 maggio 2008, n.93 VISTA la Risoluzione n. 1/DF del 04.03.2009 del Ministero dell’Economia e delle Finanze Prot. 5914/2009 “chiarimenti in merito alle abitazioni assimilate all’unità immobiliare adibita ad abitazione principale dal soggetto passivo”;    
INFORMA
 L’I.C.I. è dovuta da chi possiede, nel territorio di questo Comune, fabbricati e terreni edificabili.
 Sono soggetti passivi dell’imposta il proprietario di fabbricati, di aree fabbricabili, ovvero il
titolare di diritto reale di usufrutto, uso abitazione, enfiteusi, superficie, sugli stessi. Il nudo proprietario non può essere soggetto passivo.
 Per l’anno 2011 l’imposta sugli immobili è così determinata:  Nella misura del 5,5 per mille, -per l’abitazione principale e sua pertinenza; -per i fabbricati diversi dall’abitazione principale e sua pertinenza; -per le abitazioni assimilate dal Comune, con proprio regolamento, a quelle principali a condizione che le stesse non risultino locate. Per quanto riguarda il Comodatario deve essere intestatario dei contratti dei servizi in rete e deve essere iscritto a ruolo per la tassa sui rifiuti solidi urbani;  nella misura del 5 per mille, per aree fabbricabili, inserite nel PSC.  Nella misura del 3 per mille per chi installa impianti a fonte rinnovabile per produrre energia elettrica o termica per uso domestico limitatamente alle unità immobiliari oggetto di detti interventi e per la durata massima di tre anni per gli impianti termici solari e di cinque anni per tutte le altre tipologie di fonti rinnovabili.  E’ esclusa dall’imposta l’abitazione principale e sua pertinenza, intendendosi quale unica pertinenza
 il garage o il box o il magazzino accatastate C/2, C/6, C/7.  Ai sensi dell’art. 1 comma 1 L. n. 93/2008 convertito in Legge n. 126/2008, la detrazione continua ad essere applicata   per le abitazioni principali accatastate A/1, A/8, A/9.
La detrazione per l’abitazione principale  è confermata nella misura di  €. 103,29  annua ed è  rapportata al periodo dell’anno durante il quale si protrae tale destinazione. L’abitazione principale deve coincidere con la residenza anagrafica del soggetto passivo.  
La base imponibile dei fabbricati iscritti in catasto si ottiene moltiplicando la rendita catastale risultante al 1° gennaio 2011, aumentata del 5 per cento, per il coefficiente moltiplicatore previsto dal D.Lgs. n. 504/1992.  La base imponibile delle aree fabbricabili si determina moltiplicando la superficie dei terreni edificabili per il valore venale delle aree fabbricabili stabiliti con deliberazione di Giunta Municipale n. 115 del 26.05.2011.   I valori di riferimento delle aree fabbricabili possono essere richiesti direttamente all’ufficio Tributi del Comune di Luzzi oppure possono essere consultati sul sito internet del Comune di Luzzi  www.comunediluzzi.it nella sezione Tributi.   Una area è considerata edificabile quando risulta tale dal Piano Strutturale Comunale (PSC) così come previsto dall’art. 2  lettera b) del D.Lgs. n. 504/1992.  E’ abrogato il versamento dell’ICI mediante il calcolo con la rendita presunta. Per non incorrere in
sanzioni si invitano i proprietari di unità immobiliari non dichiarate in catasto, di immobili sui quali siano intervenute variazioni edilizie o variazioni nella destinazione d’uso a presentare all’Agenzia del Territorio – Ufficio Provinciale di Cosenza la denuncia di accatastamento o gli aggiornamenti degli atti per la determinazione della rendita catastale.  
 I termini di scadenza entro i quali devono essere effettuati i versamenti in autotassazione sono: Acconto entro il 16 giugno 2011                             Saldo entro il 16 dicembre 2011  
 Il versamento dell’Imposta deve essere effettuato in favore dell’EQUITALIA E.TR. S.p.A. Luzzi - CS - ICI –
Agente della Riscossione per la provincia di Cosenza utilizzando gli appositi modelli di c/c postali 88671268 che saranno recapitati al domicilio  dei contribuenti dallo stesso Concessionario.  L’importo a titolo di versamento volontario annuo non è da effettuarsi se pari o inferiore ad €. 4,00.  L’Imposta può essere, anche, pagata a mezzo di uno dei seguenti canali messi a disposizione dell’EQUITALIA E.TR.
S.p.A. : Rete sportellare EQUITALIA E.TR. S.p.A.; Sportelli Bancomat del Gruppo Intesa Sanpaolo; Internet con il sito taxteLit;  Call Center al n. 199.191.191 Uffici postali; Internet BanKing per i correntisti di Intesa Sanpaolo, Banca Mediolanum, IWBank. Banche convenzionate.  LUZZI,_____________________  
  IL RESPONSABILE (Rag. Rosellina SPROVIERI)

Documenti per il download

Nessun documento da scaricare

Il Comune di Luzzi in breve

Luzzi è una ridente cittadina che si suppone sorga al posto dell'antica Tebe Lucana fondata nel IV secolo a.C. In alcune sue contrade, "Seppio Grippa" e soprattutto "Muricelle", sono stati ritrovati importanti reperti archeologici, come lapidi, resti di una statua e suoi svariati frammenti, parti di una pavimentazione a spina di pesce e un'intera necropoli romana, che testimoniano come in quei siti si sviluppava la cittadina della magna Grecia "Thebae Lucane" distrutta poi dalle varie guerre che si susseguirono, e che costrinsero i suoi abitanti a trasferirsi su una delle antistanti colline, quella dove oggi è situata Luzzi, per trovare rifugio ed avere un punto di più facile difesa.
Deve il suo nome, con molta probabilità, ad una famiglia normanna al seguito di Roberto il Guiscardo che la ebbe come feudo (Lucij), anche se secondo alcuni il nome potrebbe derivare dai "lucci", un pesce che popolava il torrente Ilice che scorre a sud del paese, infatti, sono ancora oggi raffigurati nello stendardo cittadino. Dopo il casato dei Luzzi, appartenne ai Viscardi (o Biscardi) e poi a Tommaso d'Aquino.

Contatti

Indirizzo:
Via San Giuseppe - 87040 Luzzi(CS)
Telefoni:
(+39) 0984.549006 - 0984.549030
Fax:
(+39) 0984.549239
E-mail:
luzzi@comune.luzzi.cs.it
PEC:
protocollogenerale@comunediluzzi.legalmail.it
P.IVA:
01080090788
Cod.Fis.:
80007890785